Owww, is it finally here?

A not that strict translation of this one: https://swansil.wordpress.com/2012/05/21/ohhhh-e-qui-finalmente/

Short post, due to the euphoria breathable in the summer air surrounding us up here in Sweden. Yeah, summer!  What for me is nothing but a warmer spring weather we are used to welcome ever since April, here if defined as sumemr. Not that I dislike it! On the contrary, with my very low resilience in the Italian (South-European) sumemr heat, I like a fresher Northern summer. Even because, after tha past most terrible 4 winter months (January – April), both body and mind can eventually give in to the best period I’ve lived since I’ve been here. And since the winter months took away from me any kind of high spirit (which was by the way never something I stood out for ^^), I can eventually heave a sigh of relief! Long story short, every ray of sunshine that lightens the valley here is to be regarded as heaven sent. Last summer when I arrived here in August I was just another tourist who  unwillingly ended up living in a little corner of the world where she had never thought she would have…but lately the slow yet ongoing process of adjustmest has almost come to an end (‘almost’ because I still don’t master the language and I guess I never will….). So last year, when a friend of mine from my 2nd-years told me that as soon as May had come, I would have tried to absorb every little sunshine wherever I was (as you see them doing it here), I didn’t believe him because – I quote – “I come from a place where sun shines almost 365 days a year and I’m fed up with that”. When May came, I started so early to do it that had I bet on it, I would have miserably lost. There’s something mystical about the coming of summer here for me that is intrinsically non-existent where I come from just because in Italy winter is not as cold, long and rigid.  Everything changes in the blink of an eye.. trees and other plants’ blossoms burst in bloom in an overnight, Narcissus fragrance pervades every corner, lane, square in town, mixed with millions of other flowers’ scents..sunglasses, shorts, ice cream cones and gaiety. I honestly have to thank Sweden from the bottom of my heart for letting me appreciate summer again, for the first time after almost a decade.


So much…as to make me go to the sea yesterday with a friend of mine and bathe not only in the sun but also in the sea! The coldest water I’ve ever felt on my skin, evidently, but softened by the warmest breeze I’ve ever felt here in Southern Sweden. The day was so clear that the Öresund bridge was visible on the horizon!

And now I conclude this translation by adding that, almost one year later, I am here typing this in the very average cloudy, damp, cold weather that preceeds whatever I’ve just described. So, I’m looking forward for it to start again, even though this year is a little bit different…. this year I finishi my MSc and although I’ll try to enjoy the shift, it can get so busy as to even make me forget to keep track of it.

Or, I might as well fool around at the beach…!!

Let’s see what Life would bring.

Advertisements

Ohhhh, è qui finalmente?!

Post breve, ma dettato dall’euforia che è nell’aria estiva che si respira quassù in Svezia. Esatto, estiva! Quello che da buona italiana, per me, non è altro che un periodo di sole e bel tempo che giù in Italia ci si aspetta di avere fin da Marzo, qui èchiamata fine primavere – inizio estate! Ma comunque, vi assicuro che dopo gli ultimi 4 mesi d’inverno (gennaio – aprile), che sono stati veramente duri, corpo e mente si siano già dimenticati del clima chemotli chiamano “mediterraneo” da cui provengo. Ciò vuol dire, in poche parole, che qui ogni raggio di sole che irradi la vallata è trattato come un dono divino..e ora, lo faccio pure io!  L’estate scorsa quando arrivai ad Agosto non ero altro che una  delle tante turiste capitte in un piccolo angolo di mondo in cui non fosse mai stata…ma ultimamente il processo di adattamento sta completandosi. Parlo svedese quando posso, mangio svedese (poerannoi ogni volta che vedo quel povero filetto di pesce – qualsiasi – buonissimo com’è, guastato da quella salsina all’aneto, mi prende male) e, soprattutto mi inchino all’estate e a tutto quello che comporti quassù, come fanno tutti i veri svedesi. Un anno fa, quando un mio amico del secondo anno del mio corso mi diceva che non appena maggio fosse giunto mi sarei messa a prendere il sole alla faccia in attesa che il semaforo diventasse verde,  stentavo a credergli! E invece…devo ammettere che lo faccio.  C’è qualcosa di mistico nel salutarela’rrivo della primavera/estate quassù…che non c’è in Italia per via del fatto che l’inverno non è così rigido. Quindi qui veramente tutto cambia.. alberi e piante che fioriscono da un giorno all’altro, profumo di narcisi (ad ogni angolo della strada e piazza), profumo di tutti ti tipi di fiori che uno si possa immaginare (che fino a due settimane fa era sterpaglia a bordo strada), occhili da sole, pantaloncini corti, gelati, biciclette e tanta allegria! Devo ringraziare la Svezia peravermi fatto apprezzare, per la prima volta dopo tanto (per ovvi motivi che molti di quelli che leggano questo blog già sanno) l’estate.


Tanto…. da spingermi ad andare al mare ieri con una mia amica e…fare il bagno! L’acqua più fredda che abbia mai sentito, ovviamente, ma farcita da un vento così caldo che non avevo più sentito dall’ estate (italiana) scorsa! Il tempo era così bello che si vedeva pure il ponte sull’ Oresund!!

E ora chiudo il post dicendo diaverlo scritto, a quest’ora della sera (già notte?!) con il tramonto alle spalle, indossando una canottiera di cotone e stando a finestra aperta!!!

(il mondo sta veramente impazzendo!? no, a quanto mi dicano, è abbastanza normale per quassù)