Fresh grapefruit blueberry juice

Hiya again~

Today I won’t bore you with a long, full-of-LQ-pictures post..! It’s a short, fast-to-type one, yet delicious at the same time. Just like the recipe you’ll find below! ^_^

Ingredients:
· 1 pink grapefruit
· 1 small lemon
· 1 cup fresh blueberries
· ice cubes

Preparation:
· Get your juicer and set it up (If you don’t have a juicer, you could still use a lemon squeezer for the grapefruit and the lemon, but it’ll become a bit difficult to squeeze blueberries)
· Wash the berries. Peel the lemon and grapefruit, along with the white parts of the latter to taste (I like it a bit more bitter, so I kept some of them, but if you like it less bitter be thorough in peeling
them off)
· Put the ingredients in your juicer and let it spin
· Pour the juice in a tall glass and add ice cubes to taste

These quantities would yield a 200-ml fresh juice, like this:
grapefruit+blueberries

It makes up for a great, healthy breakfast for everyone, as it’s dairy-free, gluten-free, grain-free etc etc~

If you happen not to have a juicer yet I would highly suggest you buy one!I had it but I didn’t use it for almost 10 years myself. But then, when I had to start moving away from the usual eating habits of my country, I started using it and I won’t stop for sure. It’s pretty handy and you can find cheaper ones, if you are up to compromising (not like other kitchenware and appliances whose name I’m not going to mention right now hehe)

Hope you enjoyed this short post!

Ah, before I forget, I have made this recipe up in the spur of the moment as soon as I got up, basing it on what I had in my kitchen. Since it may be a rather common mix of ingredients and the world is huge, I would like to underline that I haven’t gotten the inspiration from anywhere/anyone on the net. So, if I happened to unwillingly “copy” someone else’s recipe…well, it wasn’t what I meant, what it was all about and.. I’m sorry :p

Advertisements

Almond Chocolate Cake

And so it is! I’m back! Don’t know for how long and don’t know to write about what (yet), but here I am with a brand new post about a GAPS-friendly cake recipe. Yeah, GAPS. For those who don’t know what it is, you can find more info here

A few things to point out. First of all, I have found this recipe here and I got inspired by that. I changed one ingredient and the type of frosting because I did not have some of the ingredients at home. Secondly, it’s obvious that ovens are different throughout the world but this time, it did come out quite right when I followed the baking temps and time. whole

So, let’s get started!

INGREDIENTS (CAKE)
 1. 2 cups ground almonds/almond flour
 2. 2 tsp baking powder
 3. 1/4 cup cocoa powder
 4. 1/2 tsp salt
 5. 6 eggs (whole)
 6. 1 cup honey
 7. 1 tsp vanilla extract
 8. mixed berries

INGREDIENTS (RUSSIAN CUSTARD)
 1. 2 egg yolks
 2. 1 tsp honey
 TIP! This quantity is for a very little amount of custard (about
      1 serving). If you want to make more, the yolk/honey(tsp) ratio
      is 2:1.
PREP (CAKE)
 1. Whisk together dry ingredients and set aside
dryIMG_20150501_092925
 2. Use a 9-inch pan, cover it with parchment paper 
    (both the bottom circle and along the side)
 3. Pre-heat oven to 325F (or ~160°C)
 4. Mix eggs and honey with a hand mixer on lower speed for 1 minute,
    then gradually increase to high speed and mix for 15 minutes
eggs
 5. Gently fold dry ingredients into the egg/honey mixture with a 
    large spatula until thoroughly mixed
 6. Pour the batter in the pan
raw
 7. Bake for 35 mins and do the toothpick test. 
    If it's not dry when you take it out of the cake, bake for another
    10 mins, checking every 5 mins with the toothpick. 
    TIP! I have baked it for the first 25 mins with the oven cooking 
         only on the bottom and then changed it to top+bottom, 
         WITHOUT opening the oven.  
 8. Allow to cool for 1 hour in the pan.out-og-the-oven
 9. When cool, spread with custard and then top it with mixed berries
    to taste (I just had strawberries and blueberries but the more 
    the better IMHO)
PREP (CUSTARD)
 
1. Separate yolks from whites
2. Beat egg yolks together with honey with a hand mixer until it gets
   to pale yellow
3. Russian Custard can be eaten both raw and cooked. In this recipe I 
   have cooked it on low heat for 2 minutes with some bits of jelly
   and some drops of water to make it hold its shape; once cool, I 
   have put it in the fridge. 
4. If you keep it raw, it will stay a bit more liquid so it can be 
   served alongside raw fruit as a very yummy dessert, or the slice of
   the cake could be plunged into it.

Enjoy this delicious GAPS-friendly, grain/dairy-free cake!! It was really a treat, especially for those (like me) who don’t particularly like the fact that when you substitute flour with almond flour the cake just tastes almonds!! 😛  Oh! And if you decide to try to bake it, do let me know~~ slice

Owww, is it finally here?

A not that strict translation of this one: https://swansil.wordpress.com/2012/05/21/ohhhh-e-qui-finalmente/

Short post, due to the euphoria breathable in the summer air surrounding us up here in Sweden. Yeah, summer!  What for me is nothing but a warmer spring weather we are used to welcome ever since April, here if defined as sumemr. Not that I dislike it! On the contrary, with my very low resilience in the Italian (South-European) sumemr heat, I like a fresher Northern summer. Even because, after tha past most terrible 4 winter months (January – April), both body and mind can eventually give in to the best period I’ve lived since I’ve been here. And since the winter months took away from me any kind of high spirit (which was by the way never something I stood out for ^^), I can eventually heave a sigh of relief! Long story short, every ray of sunshine that lightens the valley here is to be regarded as heaven sent. Last summer when I arrived here in August I was just another tourist who  unwillingly ended up living in a little corner of the world where she had never thought she would have…but lately the slow yet ongoing process of adjustmest has almost come to an end (‘almost’ because I still don’t master the language and I guess I never will….). So last year, when a friend of mine from my 2nd-years told me that as soon as May had come, I would have tried to absorb every little sunshine wherever I was (as you see them doing it here), I didn’t believe him because – I quote – “I come from a place where sun shines almost 365 days a year and I’m fed up with that”. When May came, I started so early to do it that had I bet on it, I would have miserably lost. There’s something mystical about the coming of summer here for me that is intrinsically non-existent where I come from just because in Italy winter is not as cold, long and rigid.  Everything changes in the blink of an eye.. trees and other plants’ blossoms burst in bloom in an overnight, Narcissus fragrance pervades every corner, lane, square in town, mixed with millions of other flowers’ scents..sunglasses, shorts, ice cream cones and gaiety. I honestly have to thank Sweden from the bottom of my heart for letting me appreciate summer again, for the first time after almost a decade.


So much…as to make me go to the sea yesterday with a friend of mine and bathe not only in the sun but also in the sea! The coldest water I’ve ever felt on my skin, evidently, but softened by the warmest breeze I’ve ever felt here in Southern Sweden. The day was so clear that the Öresund bridge was visible on the horizon!

And now I conclude this translation by adding that, almost one year later, I am here typing this in the very average cloudy, damp, cold weather that preceeds whatever I’ve just described. So, I’m looking forward for it to start again, even though this year is a little bit different…. this year I finishi my MSc and although I’ll try to enjoy the shift, it can get so busy as to even make me forget to keep track of it.

Or, I might as well fool around at the beach…!!

Let’s see what Life would bring.

Coliform bacteria in drinking water in Lund

I end my rather long hiatus – just noticed it lasted almost 1 year (!!!), to write about the the pleasantry we’re living in these days here in Lund. This thing inevitably reminded me of a certain other event happened in the area around my house in the countryside in Tuscany that lasted for (if I’m not wrong) 2 summer seasons in a row. First of all I must apologise to the readers of my blog, 3 people or maybe 4 in total, for not having given any account of my life whatsoever in the past year. Actually I did in Italian, but I found it bothersome to translate everything into English (ohhh, if only all the readers of this blog spoke English!!). I have plenty of news and lived thousands of new experiences, even though they kept me a ‘little bit’ busy, I dare say. Now, with more than two thirds of my thesis written I can allow myself an hour to keep this blog up do date (but don’t get used to it, since knowing how I am I will write the next entry in 6 months!). Ok, ready, steady, go!

Yesterday night around 7 pm I came back home from a long walk to and from downtown (around 7 kms) and I felt like something was happening. Maybe the fact of living 500 metres far from a supermarket and seeing people with trollies full of bottled water might have said something to me but, bearing my clumsiness in mind, it didn’t. I switched the laptop on to go back to study and saw that one of my friends had posted a link to the news published by the agency taking care of drinking water, wastewater and handling waste management in the the south on FB asking whether he was right in understanding that some bacteria were found in the drinking water in Lund and other 5 communes and that we were advised to boil our water. I read the news, astonishing myself with the beauty and accessibility of the Swedish language for a non-Nordic person (only to find out later that they also have their homepage in English) and indeed it looked like there are some bacteria but they didn’t know what kind yet and they would have tested the water again this morning. Obviously, a whole list of what to do with boiled and not-boiled water was posted in both languages on the website, for the inexperienced ones. What astounded me was the promptness with which the authorities dealt with the situation. I still wonder why this bewilders me at this point in time, since I’ve been living in a country which is so attentive to the well-being and comfort of its people, in all senses. Anyhow, as soon as I read the news the social network started bursting with new posts from other authorities (like the Police) on the boiling of water for security reasons, as well as taking other measures. Plus, seeing the importance of the situation, I even got an email from AFB (roughly defined as a student housing agency here in Lund) repeating everything I already knew. This morning on the VASYD homepage they wrote that they found out a higher amount of coliform bacteria in our water, though they are further investigating on their nature. They have (even) just posted a series of FAQs, some of them actually bizarre (-_-)… Even if it may not be a dangerous situation, the reply has been prompt and throrough. Evidently, the fact that they have found this weird amount of bacteria in the water since last Friday allowed us to drink rivers of it in the past 3 days and it may as well be that I’ll start …well, you got it (although I’d love to write it publicly on a blog, LOL ), but after the past three months, let’s say I’m used to it.

Switching to what this happening reminded me of, I believe that my Italian close friends who are reading this might have already figured it out. For the others, here it is what happened. I don’t really remember the actual time frame, but I’m sure it happened for (at least) two summer seasons in a row, the fact that the only tap from where drinking water sprang in the whole house started spitting such smelly water as to make the food rinsed in it (though being cooked at high temperature afterwards) stink and taste like rotten fish. The reaction of the 5-house village (if it can even be defined as such) was given by the righteous claims put forward by only one of the families living there about the quality (and in recent summers, even the quantity) of the water provided by Publiacqua (the Italian alter-ego of VASYD). This reaction was: countless calls to call centers where we had to explain everything from beginning to end everytime, only to be assigned a lazy, indolent technician to pass by the houses and test the water while shaking his head telling us we were crazy because it was utterly impossible to find anything in the perfectly balanced water they were providing us with. At the end of it, after 2 years of periodically calling, finally a qualified technician found out that something was wrong with the water and they did what they should have had a lot earlier. With this degree of efficiency, the only thing left for us to wonder about is asking ourselves how much sh*t we must have drank while being told that we were being overly worried over a trifle. And, please, do n0t think or say that it’s because it’s the countryside..or anything like that. Because in the years of my life spent living in Florence, I can’t count the times when the so-called drinking water was yellowish, brown, stinking or carried soil dust as to make it grind between our teeth. With never a warning or advice on boiling it, unless we (the citizens) had enough of it and decided to do it anyway or to call the agency (and periodically being laughed at by them).

Well, this is just an account of how two different parts of the world deal with similar situations. Obviously I risked my credibility trying to compare Sweden with Italy, but I can as well say that these times credibility is overrated (LOL). With this said, you are to decide whether we drank harmfully compounded water without anyone telling us for a certain amount of time or not. At the end of the day, no matter how hard one tries to present the facts, each and everyone have their own account of what is and what is not “real”.

Coliformi nell’acqua potabile a Lund

Interrompo il silenzio, che mi sono appena resa conto essere durato quasi un anno (!!!), per raccontare dell’amenità che stiamo vivendo in questi giorni qui a Lund, che mi ha inevitabilmente fatto pensare ad una certa altra cosa riguardante l’acqua dell’acquedotto protrattasi per due (se non mi ricordo male?) estati di fila al Giuncheto. Prima di tutto le doverose scuse a coloro che leggono il blog, cioè tre persone, per non aver fornito nessuna documentazione della mia vita dalla fine dello scorso anno accademico. Di novità e vicissitudini ce ne sono state, sì, ma i tre visitatori del blog già le conoscono e diciamo che queste ‘esperienze’ mi hanno tenuto un tantinello impegnata fino ad ora. Adesso, con più di due terzi della tesi già scritta, posso concedermi mezz’ora per aggiornarvi di tanto in tanto (ma non fateci l’abitudine, conoscendomi scriverò di nuovo tra 6 mesi!). OK, detto questo, iniziamo.

Ieri sera verso le 7 sono tornata a casa da una lunga passeggiata verso e nel centro della città (più o meno 7 kms andata e ritorno) e avevo come la sensazione che qualcosa stesse succedendo. Forse il fatto di vivere a 500 metri da un supermercato e vedere gente con carrelli pieni di acqua in bottiglia mi avrebbe potuto insospettire, ma niente. Entro in casa, accendo il pc per rimettermi a scrivere e trovo il messaggio di un mio amico thailandese sul social network usato per scambiarsi opinioni e appunti tra studenti del nostro master (è uno del primo anno) che mette il link dell’agenzia che si occupa delle acque potabili, reflue e della nettezza della regione sud (Scania) chiedendo se il suo svedese sia abbastanza buono da capire che siano stati trovati batteri nell’acqua dell’acquedotto di Lund e altre 5 cittadine nelle vicinanze. Vado a leggere, moccolando in turco perchè lo svedese è una lingua incomprensibilmente semplice (per poi scoprire stamani che questa sia una delle poche istituzioni con la pagina web disponibile anche in inglese!!) e dalla notizia postata ieri sera sembra che ci siano batteri nelle nostre acque  e, quindi, fino a quando non fosse stato fatto un nuovo test (stamattina) ci invitavano a bollire l’acqua prima di berla e fare tante altre cose tipo lavare le verdure etc etc. Ovviamente con tanto di lista di cosa poter fare con l’acqua bollita e cosa poter fare con quella non bollita, per i più sprovveduti. La cosa che mi ha affascinato è stata la prontezza delle autorità ad informare il cittadino. Ancora non so di che mi stupisca visto che sono in un Paese così attento al benessere dei suoi cittadini, sotto tutti i sensi. Comunque, appena letta la notizia il social network inizia ad esplodere di news sulla bollitura dell’acqua, da parte di Polizia, agenzie del comune etc., le quali hanno prontamente messo notizie in merito sulle homepage dei loro siti. Poi, vista l’importanza della situazione, mi arriva pure un’email dall’agenzia che gestisce le case per studenti in cui risiedo adesso avvertendo  del misfatto. Stamani sulla homepage della VASYD hanno scritto che si tratta di batteri coliformi ma che ancora non ne conoscono il tipo e quindi faranno un altro test oggi pomeriggio. Ora che ho controllato mentre scrivo qui, hanno pure messo una sezione con le FAQs in tempo reale su come fare se uno si ammala, se usare o meno solo il bollitore (onnipresente nelle case svedesi) e addirittura se gli studi dentistici posso aprire al pubblico oggi (-_-)… Comunque, la risposta è stata veloce, e la gente si è procurata acqua in bottiglia (ovviamente frizzante perchè quella naturale non la vendono) oppure può andare a prendere acqua potabile nelle varie stazioni create dal comune. Certamente, la VASYD dice che hanno riscontrato questa anomalia nel contenuto di batteri dallo scorso venerdì, ma che doveva aspettare i risultati dei test di follow-up per vedere se avvertirci o meno, quindi di acqua tra venerdì e ieri ne è stata bevuta a fiumi e come minimo qualcuno ricomincerà a ..beh avete capito, anche se vorrei molto scriverlo su un blog (!!), ma speriamo di no. Per adesso, tutto ok.

Passando a quello cui mi abbia fatto pensare questa situazione, credo che chi legga abbia già capito a cosa mi riferisca. Per la cronaca faccio un piccolo sunto anche di questo. Non mi ricordo precisamente lo spettro temporale, ma sono sicura che si trattasse di almeno due estati di fila, in cui l’unico rubinetto di acqua potabile che abbiamo in casa al Giuncheto, buttasse acqua così puzzolente che pure la roba lavata e poi cucinata ad altissime temperature continuasse a puzzare di marcio (sì, mamma, sto parlando dell’arista). La risposta nel piccolo borgo è stata data dalle rivendicazioni di diritto di una sola famiglia sulla qualità (e in recenti estati, anche la quantità) dell’acqua fornitaci dalla Publiacqua. Tale risposta è stata: chiamate innumerevoli al call center dove dover rispiegare tutta la situazione da capo ogni volta per poi far passare l’ennesimo operatore svogliato di casa a far finta di fare test scuotendo la testa come a pensare “ma queste sono pazze”, oppure sentirselo dire in faccia che non sia minimamente possibile che l’acqua sia troppo o troppo poco medicata. Morale della favola, una volta trovato un operatore serio, venne fuori che qualcosa che non andasse c’era in quell’acqua, anche se apparentemente roba minore. Con questa efficienza, l’unica cosa che uno può continuare a chiedersi è: “chissà quanta mer*a abbiamo bevuto senza averne la minima idea!?”.  E non diciamo che sia al Giuncheto perchè è campagna..o quasiasi altra scusa del genere. Perchè negli anni vissuti a Firenze prima di partire per la Svezia, ho perso il conto di quante volte l’acqua fosse gialla, marrone, puzzasse, avesse terra tanto da far scricchiolare i denti, etc. Mai senza un’avvertimento di possibile presenza di sostanze nocive da parte di nessuna autorità.

A decidere se qualcosa ci fosse ma non ci sia stato detto niente o se magari non ci fosse stato niente di per sè, sta a voi.

Ohhhh, è qui finalmente?!

Post breve, ma dettato dall’euforia che è nell’aria estiva che si respira quassù in Svezia. Esatto, estiva! Quello che da buona italiana, per me, non è altro che un periodo di sole e bel tempo che giù in Italia ci si aspetta di avere fin da Marzo, qui èchiamata fine primavere – inizio estate! Ma comunque, vi assicuro che dopo gli ultimi 4 mesi d’inverno (gennaio – aprile), che sono stati veramente duri, corpo e mente si siano già dimenticati del clima chemotli chiamano “mediterraneo” da cui provengo. Ciò vuol dire, in poche parole, che qui ogni raggio di sole che irradi la vallata è trattato come un dono divino..e ora, lo faccio pure io!  L’estate scorsa quando arrivai ad Agosto non ero altro che una  delle tante turiste capitte in un piccolo angolo di mondo in cui non fosse mai stata…ma ultimamente il processo di adattamento sta completandosi. Parlo svedese quando posso, mangio svedese (poerannoi ogni volta che vedo quel povero filetto di pesce – qualsiasi – buonissimo com’è, guastato da quella salsina all’aneto, mi prende male) e, soprattutto mi inchino all’estate e a tutto quello che comporti quassù, come fanno tutti i veri svedesi. Un anno fa, quando un mio amico del secondo anno del mio corso mi diceva che non appena maggio fosse giunto mi sarei messa a prendere il sole alla faccia in attesa che il semaforo diventasse verde,  stentavo a credergli! E invece…devo ammettere che lo faccio.  C’è qualcosa di mistico nel salutarela’rrivo della primavera/estate quassù…che non c’è in Italia per via del fatto che l’inverno non è così rigido. Quindi qui veramente tutto cambia.. alberi e piante che fioriscono da un giorno all’altro, profumo di narcisi (ad ogni angolo della strada e piazza), profumo di tutti ti tipi di fiori che uno si possa immaginare (che fino a due settimane fa era sterpaglia a bordo strada), occhili da sole, pantaloncini corti, gelati, biciclette e tanta allegria! Devo ringraziare la Svezia peravermi fatto apprezzare, per la prima volta dopo tanto (per ovvi motivi che molti di quelli che leggano questo blog già sanno) l’estate.


Tanto…. da spingermi ad andare al mare ieri con una mia amica e…fare il bagno! L’acqua più fredda che abbia mai sentito, ovviamente, ma farcita da un vento così caldo che non avevo più sentito dall’ estate (italiana) scorsa! Il tempo era così bello che si vedeva pure il ponte sull’ Oresund!!

E ora chiudo il post dicendo diaverlo scritto, a quest’ora della sera (già notte?!) con il tramonto alle spalle, indossando una canottiera di cotone e stando a finestra aperta!!!

(il mondo sta veramente impazzendo!? no, a quanto mi dicano, è abbastanza normale per quassù)

Che storia eh..vita vissuta..

Prima di rimettermi a studiare, cerco di mettere due parole in croce qui, sennò la gente continua a dirmi che sia stato inutile aprire un blog! <- il che è vero, sono pienamente d’accordo, ma non so come fare a spiegare che oltre all’essere sempre imegnati con l’uni, qui non ci sia proprio un bel niente da fare! Anche gli svedesi stessi si lamentano di quanto sia noiosa la zona! Sarà perchè nel fine settimana i negozi sono chiusi (tranne supermercati e qualche caffetteria – se questa è la traduzione giusta per coffee shop) o perchè anche se esci la sera l’unica alternativa è bere come se non ci fosse un domani (non io,ma questo è il trend di divertimento che hanno quassù).. “tutto il resto è nooooooia”! In effetti ultimamente mi stanno tornando alla mente i discorsi fatti con mio fratello riguardo a quanto fosse “morta” Firenze nel fine settimana.. beh, pure Lund!

Esami settimanali a parte, uno potrebbe pensare di prendere un treno e fare le scampagnate da un giorno che ero/eravamo solite fare qualche mese fa, fino a fine anno diciamo.. ormai improponibili, vista l’impennata che ha avuto l’€ in perdita di valore rispetto alla corona. Non sto scherzando. Credo sia la prima volta nella miavita in cui mi sia resa conto di una cosa di questo genenre in nemmeno un mese. Mi è bastato essere tornata quassù a inizio gennaio per vedere che pur spendendo (nominalmente) una somma mensile più bassa di quella che ero solita spendere quando vivevo ad Akarp, spendo di più. In soldoni, quando mi sono trasferita a Lund, l’avevo fatto perchè ci avrei (pure) risparmiato soldi, non solo tempo (nei 50€ mensili di abbonamento per i trasporti che non compro più, mi ci rientrano ben due mesi di abbonamento internet e in più avanzano sui 6€- per un totale di circa 20€ risparimate al mese). Solo che, grazie a sta cosa dell’€, ora mi ci rientrano le spese vive e basta (mentre prima andavo quà e là, facevo cibi strani, uscivo di più,etc). Io sono in Svezia = Paese troopo fiero di se stesso per dare abbastanza importanza alle notizie estere.. ma in zona euro è stato detto qualcosa in merito oppure tutti fanno finta di nulla e danno la colpa alla Grecia e basta? Perchè, anche su internet, le notizie sono sempre le stesse… vabbè!

Per passare a cose più gradevoli, qualche giorno fa ho chiesto al supermercato dove potessi trovare il lampredotto, ovviamente chiamandolo stomaco di mucca, e il ragazzo responsabile del reparto bovino mi ha “sorriso” (per usare un eufemismo) dicendo che delle interiora degli animali, loro vendono solo il fegato. Mi ha indicato dove fosse e si è rimesso a lavoro. Io sono rimasta lì accanto a fare due conti sulla differenza di prezzo tra fegati di vari animali e dopo un pochino il ragazzo si è rigirato e se n’è uscito con un “sei stata la prima persona che me lo abbia mai chiesto”, con aria divertita e scettica allo stesso tempo..devo essergli sembrata una pazza! però io lì per lì ho iniziato a pensare che i pazzi siano loro. Poveri animali cavolo..già che li ammazzi, perchè ne butti via metà? Nemmeno il cuore vendono (solo i cuori di pollo). Ma dov’è la tanto ecology-friendly Svezia? Ammazzano una mucca per prenderne solo la carne e fartela pagare quanto un polmone (umano, hehe!)..mentre la parte più nutriente la buttano via? Mi sembra alquanto strano, anche solo per rispetto all’animale – che tra l’altro fai nascere in cattività solo per fargli fare questa fine, cavolo! La prossima volta che mi viene voglia di farmi il lampredotto vado a fare un giro dei supermercati, ma ormai conoscendo i tipi ci sta anche che davvero non ne mangino.

Come la raccolta differenziata! Qui in casa ci siamo stupite perchè siamo tutte persone che separano la spazzatura, ma quando siamo andate a portarla alla “stazione di riciclaggio” dietro al supermercato, abbiamo notato che non ci sono abbastanza contenitori per le diverse categorie di rifiuti.. in Svezia? A me e la coinquilina greca (abituate ai nostri rispettivi Paesi) non ci ha colpito più di tanto questo fatto, ma le due tedesche sono seriamente allibite (c’è da aggiungere che una delle due studi pure sostenibilità ambientale)! Certo, anche io ci sono rimasta come una babbea perchè ovunque trovi scritto di fare la diferenziata (basti vedere che su ogni prodotto ci trovi scritto come differenziarlo) e poi ti ritrovi a queste situazioni! Compagni di classe, svedesi ma provenienti almeno da Stoccolma in su, confermano quanto in Skane la terronaggine imperi indisturbata! Quindi forse è per questo che molti degli stereotipi che abbiamo (noi popoli del sud europeo) verso questi Paesi ci si stiano frantumando davanti agli occhi quasi quotidianamente? (parlo al plurale perchè ne discuto con la ragazza greca e anche lei prova la stessa sensazione). Credo di sì, magari se dovessi avere l’opportunità di andare a Stoccolma me ne renderei pure conto!  E’ veramente interessante, comunque, vedere come tutto sia relativo.. per esempio, a detta della mia amica russa, la Svezia è il vero paradiso terrestre.

A proposito, vi avevo mai detto che tempo fa mi raccontarono che ogni anno al confine tra Skane e Smaland (la regione a nord della Skane) i soliti buontemponi “separatisti” svedesi si ritrovano per scavare un solco (tipo vallo di Adriano), a simboleggiare il fatto che il resto della Svezia voglia fisicamente staccare la Skane dal resto del Paese? Più precisamente farla diventare un’ isola che derivi verso la Danimarca, indipendente dalla Svezia! (Per chi non lo sapesse, questa regione è stata inurbata da danesi..Lund stessa è una città di fondazione danese.) Che soggetti!