Che storia eh..vita vissuta..

Prima di rimettermi a studiare, cerco di mettere due parole in croce qui, sennò la gente continua a dirmi che sia stato inutile aprire un blog! <- il che è vero, sono pienamente d’accordo, ma non so come fare a spiegare che oltre all’essere sempre imegnati con l’uni, qui non ci sia proprio un bel niente da fare! Anche gli svedesi stessi si lamentano di quanto sia noiosa la zona! Sarà perchè nel fine settimana i negozi sono chiusi (tranne supermercati e qualche caffetteria – se questa è la traduzione giusta per coffee shop) o perchè anche se esci la sera l’unica alternativa è bere come se non ci fosse un domani (non io,ma questo è il trend di divertimento che hanno quassù).. “tutto il resto è nooooooia”! In effetti ultimamente mi stanno tornando alla mente i discorsi fatti con mio fratello riguardo a quanto fosse “morta” Firenze nel fine settimana.. beh, pure Lund!

Esami settimanali a parte, uno potrebbe pensare di prendere un treno e fare le scampagnate da un giorno che ero/eravamo solite fare qualche mese fa, fino a fine anno diciamo.. ormai improponibili, vista l’impennata che ha avuto l’€ in perdita di valore rispetto alla corona. Non sto scherzando. Credo sia la prima volta nella miavita in cui mi sia resa conto di una cosa di questo genenre in nemmeno un mese. Mi è bastato essere tornata quassù a inizio gennaio per vedere che pur spendendo (nominalmente) una somma mensile più bassa di quella che ero solita spendere quando vivevo ad Akarp, spendo di più. In soldoni, quando mi sono trasferita a Lund, l’avevo fatto perchè ci avrei (pure) risparmiato soldi, non solo tempo (nei 50€ mensili di abbonamento per i trasporti che non compro più, mi ci rientrano ben due mesi di abbonamento internet e in più avanzano sui 6€- per un totale di circa 20€ risparimate al mese). Solo che, grazie a sta cosa dell’€, ora mi ci rientrano le spese vive e basta (mentre prima andavo quà e là, facevo cibi strani, uscivo di più,etc). Io sono in Svezia = Paese troopo fiero di se stesso per dare abbastanza importanza alle notizie estere.. ma in zona euro è stato detto qualcosa in merito oppure tutti fanno finta di nulla e danno la colpa alla Grecia e basta? Perchè, anche su internet, le notizie sono sempre le stesse… vabbè!

Per passare a cose più gradevoli, qualche giorno fa ho chiesto al supermercato dove potessi trovare il lampredotto, ovviamente chiamandolo stomaco di mucca, e il ragazzo responsabile del reparto bovino mi ha “sorriso” (per usare un eufemismo) dicendo che delle interiora degli animali, loro vendono solo il fegato. Mi ha indicato dove fosse e si è rimesso a lavoro. Io sono rimasta lì accanto a fare due conti sulla differenza di prezzo tra fegati di vari animali e dopo un pochino il ragazzo si è rigirato e se n’è uscito con un “sei stata la prima persona che me lo abbia mai chiesto”, con aria divertita e scettica allo stesso tempo..devo essergli sembrata una pazza! però io lì per lì ho iniziato a pensare che i pazzi siano loro. Poveri animali cavolo..già che li ammazzi, perchè ne butti via metà? Nemmeno il cuore vendono (solo i cuori di pollo). Ma dov’è la tanto ecology-friendly Svezia? Ammazzano una mucca per prenderne solo la carne e fartela pagare quanto un polmone (umano, hehe!)..mentre la parte più nutriente la buttano via? Mi sembra alquanto strano, anche solo per rispetto all’animale – che tra l’altro fai nascere in cattività solo per fargli fare questa fine, cavolo! La prossima volta che mi viene voglia di farmi il lampredotto vado a fare un giro dei supermercati, ma ormai conoscendo i tipi ci sta anche che davvero non ne mangino.

Come la raccolta differenziata! Qui in casa ci siamo stupite perchè siamo tutte persone che separano la spazzatura, ma quando siamo andate a portarla alla “stazione di riciclaggio” dietro al supermercato, abbiamo notato che non ci sono abbastanza contenitori per le diverse categorie di rifiuti.. in Svezia? A me e la coinquilina greca (abituate ai nostri rispettivi Paesi) non ci ha colpito più di tanto questo fatto, ma le due tedesche sono seriamente allibite (c’è da aggiungere che una delle due studi pure sostenibilità ambientale)! Certo, anche io ci sono rimasta come una babbea perchè ovunque trovi scritto di fare la diferenziata (basti vedere che su ogni prodotto ci trovi scritto come differenziarlo) e poi ti ritrovi a queste situazioni! Compagni di classe, svedesi ma provenienti almeno da Stoccolma in su, confermano quanto in Skane la terronaggine imperi indisturbata! Quindi forse è per questo che molti degli stereotipi che abbiamo (noi popoli del sud europeo) verso questi Paesi ci si stiano frantumando davanti agli occhi quasi quotidianamente? (parlo al plurale perchè ne discuto con la ragazza greca e anche lei prova la stessa sensazione). Credo di sì, magari se dovessi avere l’opportunità di andare a Stoccolma me ne renderei pure conto!  E’ veramente interessante, comunque, vedere come tutto sia relativo.. per esempio, a detta della mia amica russa, la Svezia è il vero paradiso terrestre.

A proposito, vi avevo mai detto che tempo fa mi raccontarono che ogni anno al confine tra Skane e Smaland (la regione a nord della Skane) i soliti buontemponi “separatisti” svedesi si ritrovano per scavare un solco (tipo vallo di Adriano), a simboleggiare il fatto che il resto della Svezia voglia fisicamente staccare la Skane dal resto del Paese? Più precisamente farla diventare un’ isola che derivi verso la Danimarca, indipendente dalla Svezia! (Per chi non lo sapesse, questa regione è stata inurbata da danesi..Lund stessa è una città di fondazione danese.) Che soggetti!

Advertisements

2 thoughts on “Che storia eh..vita vissuta..

  1. gianna says:

    Vivere in DIRETTA in un posto….fa capire fino a che punto quello che sappiamo e,magari,invidiamo sia vero!!!!La raccolta differenziata…..stai vivendo all’equivalente della nostra Napoli….??E’ comunque una GRANDISSIMA lezione di vita.Solo chi puo’ viaggiare e vedere il mondo puo’ capire dove possono arrivare gli stereotipi.

  2. Hmmm, no, ecco, ora non sono certo qui a paragonare Lund con Napoli. Qui non ci sono le montagne di rifiuti per la città.. volevo solo dire che la logica, per esempio, sarebbe quella didividere carta di riviste+giornali, dai cartoni del latte in Tetrapak e da tutto il resto della carta/cartone (contenitori di uova, etc)..però poi vai dove dovresti buttare tutta sta roba divisa e se ti va bene per queste tre tipologie di carta ti trovi 2 cestini (invece di tre) e allora ti senti una merda perchè anche se hai differenziato tutto, poi ti rendi conto che non ci sia modo di direzionare tre cose diverse in tre bidoni diversi. E in effetti ti fa iniziare a pensare che forse, anche nella tanto rinomata verde Svezia, il cittadino differenzi e le autorità mischino tutto di nuovo. Ma diciamo che NON ci voglio pensare. In una città così piccola, non capisco perchè non facciano laraccolta porta a porta come in Giappone o,, udite udite, a Prato.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s