Helsingborg e Mustang

Come promesso ieri, ecco un nuovo post su Helsingborg e la mia nuova bicicletta! (prima di ritonfarmi in un’eclissi nell’iperuranio)

Da dire c’è poco, soprattutto su Helsingborg.. cittadina alquanto anonima, se non fosse per il fatto che è così vicina alla Danimarca che se c’è un giorno limpido di vede pure il castello di Helsingor. Sono andata il 22Ottobre, per il mio compleanno, con due ragazze del mio corso perchè volevamo andare a mangiare all’unico ristorante coreano nella zona, facilmente raggiungile con 35 minuti di treno veloce..diciamo non eurostar, ma un po’ più veloce dei nostri intercity. Partite da Lund con un sole che spaccava le pietre, siamo arrivate alla stazione centrale, che è ovviamente sul porto, con una nebbia e un cielo chiuso che portava via! Ahhh~~~ la stabilità del tempo svedese, la adoro! Ma comunque..

Ci siamo fatte un giro per la città, anche se avevamo altamente sbagliato a fare i conti di quanto tempo ci si potesse perdere a girellare (pensavamo che fosse una cittadina stile Lund e dalla cartina sembrava ci potesse volere un po’ di tempo… ma in realà in un’ora e mezzo camminando lenti vi potete vedere l’intero centro e periferia, hahaha!).  Metto solo due foto perchè gli interessati credo le abbiano già viste sul mio album di flickr!

Dal Comune (<–) che si trova precisamente a 50 meri dalla stazione/porto ci siamo dirette in direzione del centro (ad ulteriori 100 metri dall’edificio del Comune) e siamo incappate nella strada che porta al Castello da cui, appunto, prende il nome la città (borg = castello).

Unico momento di uno sprazzo di sole in tutta la giornata!

La cosa divertente è stata mangiare al “coreano”, che di coreano aveva solo i piatti! Una volta arrivate una delle due ragazze mi dà il regalino che mi aveva fatto, ovvero un mini frasario inglese-vietnamita e l’altra, interessata, mi chiede come suoni la lingua perchè avendo studiato solo giapponese non ha mai voluto ascoltare come suonassero le lingue cinesoidi (anche se il vietnamita è più facile da capire del cinese, quindi diciamo che se un vietnamita legge o sente dirmi che la loro lingua è simile al cinese, mi toglie il saluto!). Io apro il libretto e inizio a legger qualche frase di circostanza, impegnandomi al massimo per riprodurre le tonalità difficilissime (e conscia comunque del fatto che nessuna delle due ragazza avesse un’idea del suono).. E vedo la donnina al banco (eravamo relativamente vicine) che mi scruta, sorride e spunzona la cameriera col gomito indicandomi.. smeto istantaneamente di leggere vergognandomi come una ladra e queste iniziano a parlare tra di loro e a comunicare con il cuoco in cucina……… in vietnamita!! Hahahaha,che risate, ricordo che ci eravamo fatte tutta quella strada per mangiare coreano! E che una ragazza aveva suggerito di andare a Malmo a mangiare vietnamita, ma l’altra aveva preferito il coreano…… in un ristorante gestito comunque da vietnamiti! Al che dico alle due che adesso sanno come suoi la lingua perchè l’intero staff lo stava parlando e queste scoppiano in una risata e tutto finisce lì. Il cibo però aveva sapore coreano (per la non esperienza che avessi io) e non vietnamita (da quando sono qui me ne sto facendo di esperienza in merito, hehe).  I nomi dei piatti non me li ricordo, ma erano tutti molto buoni! Credo possiate immaginare di chi sia quello più rosso di tutti.. hehe! In effetti, non volendo, ho ordinato innanzitutto quello più buono (ogni tanto mi chiedevano di fare a cambio!) e poi, un piatti simile a quello che si cucinava in Italia ogni tanto, con la gelatina di peperoncino, i gambi dell’aglio e il maiale. Esattamente lo stesso sapore! Naturalmente con abbondante riso bianco (appunto, addio alla dieta) che veniva riportato ogni pochino a gratis visto che in molti posti c’è la logica del refill.

Per concludere, stamani ho finalmente finito di mettere a posto la mia nuovo bicicletta perchè ho tolto tutta la ruggine, pulito al catena, i raggi, messo un nuovo campanello etc etc. E finalmente ho potuto fotografare la mia Mustang! TA-DAN~~ Sono felice perchè grazie ad una mia amica l’ho pagata estremamente meno del prezzo medio per una bicicletta del genere! La cosa divertente è stata portarla a casa, visto che era parcheggiata a casa di questa mia amica a Malmo! Quindi mercoledì dopo lezione sono andata, ho messo camera d’aria nuova, ho mangiato un po’ si senbei e bevuto tè verde (è quella ragazza che ha vissuto 6 anni in Giappone) e poi sono partita alla volta della stazione dei treni perchè era buio, ero stanca e bla bla.. poi una volta uscita da casa sua mi sono messa a pensare che visto che lei vive a Malmo nord-est e al stazione è a nord-ovest, il tempo che ci sisarebbe voluto ad arrivare là, fare il biglietto per la bici, aspettare il treno etc. sarei già stata quasi a casa. Quindi, visto che lei vive esattamente a diritto di dove dovevo andare io (in linea d’aria), mi sono presa la mia ciclabile e mi sono fatta i miei buoni 9 kilometri in salita fino a casa (Malmo è sul mare e Lund è in collina, altro che pianura!!!!). In 35 minuti ero a casa, divertita per aver fatto qualcosa di dverso dalla norma.. in una pista ciclabile completamente illuminata dai lampioni e con i cartelli che ti indicano diramazioni e direzioni. Che figata!

Advertisements

2 thoughts on “Helsingborg e Mustang

  1. Maddy says:

    Ciao Silvina,
    come stai? HOocapito che studi tanto, ma hai scritto davvero poco sul tuo blog… Era diverso tempo che non entravo nei vs. due blog e stasera ho pensato di riprendere il tempo perso. Ho cominciato con quello di Luca perchè avendo perso del tutto gli indirizzi dal PC di casa, il suo è stato più facile ritrovarlo digitando il famoso vo in Giappone…. quando ho visto quanto fossi indietro nel leggere, mi sono detta “Ora chissà quando vado in quello di Silvia? mi toccherà fare nottata”… e invece con qualche minuto mi sono messa in pari! Brava Silvina, viviti la vita tranquilla e racconta quando torni tutto quello che fai e vivi a Lund. Manca poco, perchè se la nonna ha capito bene, il 18 rientri, vero? MI fa piacere che le cose vadano comunque bene anche da te, che finalmente ci sia una nuova bici e nuovi amici con i quali andare al ristorante coreo-vietnamita 😉
    Ci vediamo presto allora!
    Un saluto
    Maddy

    1. Ciao Maddy,
      scusa per la risposta che non è mai stata scritta! Ma ho appena letto il commento (24 febbraio)..in realtà di solito wordpress mi notifica la presenza di nuovi commenti, ma questo non mi deve essere arrivato per email!
      Visto che sono tornata già e già sai tutto, non c’è bisogno che spieghi niente, haha! Comunque, ho appena aggiunto un nuovo post! Lo so, me ne rendo conto, non aggiorno mai…ma se leggi il nuovo post magari ti fai un’idea anche tu del perchè! Anche se, ogni volta, mi ripropongo di farne almeno uno alla settimana, poi fallisco miseramente nell’intento!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s